ANILA HANXHARI: L’OLOCAUSTO DELLA LIBERTA’

“Quindi i satrapi, i prefetti, i governatori e i consiglieri del re
si radunarono per osservare quegli uomini:
il fuoco non aveva avuto alcun potere sul loro corpo,
i capelli del loro capo non erano stati bruciati,
i loro mantelli non erano stati alterati
e neppure l’odore di fuoco si era posato su di loro”
(Daniele 3:27)

Pescara, 6.01.2017 – Testimonianza di Dimitri Ruggeri sulla lettura della silloge “Tiro a sorte la libertà”  di Anila Hanxhari – Nella complessa declinazione e interpretazione dei testi sacri ebraici il Midrash potrebbe essere inquadrato come una “predisposizione dell’anima” che non si ferma al senso letterale delle parole ma cerca di andare oltre il segno e il suono. Tra le diverse fonti, senza addentrarmi pericolosamente in una materia teologica tanto complessa, questo “strumento” arriva a detonare i caratteri della spiritualità interiore femminile. Leggi tutto ANILA HANXHARI: L’OLOCAUSTO DELLA LIBERTA’