Marco Pavoni: poesie tra permanenza e sogno

Foto Marco Pavoni

Poesie scelte da Dimitri Ruggeri –  “Ho unito i miei tormenti di poeta a quelli di Campana e, così, siamo diventati fratelli in una lotta senza quartiere contro l’ipocrisia della società che, nell’epoca di Campana come nella mia, ha evidenziato ed evidenzia un disorientamento intellettuale a causa del quale la poesia ha cantato e canta, necessariamente, lo smarrimento sentimentale e spirituale dell’uomo”. (cit.Marco Pavoni)

*

Nel cielo che trascolora
e depone un silenzio d’argento
sulla strada che tace nella notte,
una stella attenua il battito
del cuore che langue trafitto
dal fruscio del vento che sfuma
le geometrie dell’ordine
e intona sinfonie dolenti
per l’uomo che s’avvicina
e mormora parole di pace
al caos che si rigenera
nello spazio interstellare.
Pare quieta ora anche l’anima
presa dal suo rinascere in luoghi
dove amore e morte consumano
il sempiterno duello
che riapre l’occhio della mente
e unisce luce e ombra
in un canto perfetto.

*

Settembre, ti vedo decantare
miscugli di vita e riaffermare,
giorno dopo giorno,
la tua immanenza nel bronzo
delle foglie che denudano
la levità di ciò che trapassa
e imbevono di sublimità
la terra che, nel suo sfarsi,
si schiude all’anonimità
di una stagione nata
per acquietare i sentimenti
e placare i pensieri.
Con te mi riconfondo,
con te cerco d’instaurare
un intimo colloquio
per risolvere la tensione
del momento in un anelito
che varca la soglia dell’infinito
per carpire al tempo
scintille d’immensità.

*

Sembra uno straccio lavato
la terra che ora si specchia
nel suo riquadro di cielo.
Qualche nube vagabonda
ancora, seguendo uno zefiro
che sfiora le fronde,
nel bosco dove i nostri sospiri
sprizzano quel piacere che annulla
la ripetitività del tempo.
Il mio corpo si tende
e titilla i seni che tu
– oh, sottile artificio di donna! –
copri con le mani.
Ti vedo ridere di gusto
e mi ricordi la bimba che fosti,
nell’epoca in cui la malvagità
non bussava ancora
alle porte del tuo cuore.

*

Seguo il fumo della sigaretta
e mi vedo volteggiare
sul deserto della città.
Tramonta il sole sulla quieta
indifferenza del non sapere.
All’improvviso uno squarcio
di sogno s’invera e mi raggiunge:
sei tu.
Danzi sul filo del mio sguardo
con la grazia del tuo essere
un atomo del bene
pronto all’unione finale:
e il nostro stare insieme
conversa pacificamente
col mistero del mondo,
in un dialogo dove
percorrere la strada del tempo
è cercare
la via della speranza.

*

E se domani il vento ti rapisse
l’anima, gioirei nel sentirti
pronunciare la parola “t’amo”
mentre la notte, essenza che fugge
col suo bottino di diamanti
lassù nel cielo, si colora
delle incantevoli sfumature
del mio vissuto di viandante
che ora deglutisce i grumi
della memoria di te
dopo aver inscritto il cerchio
del nostro amore
nel poligono della vita.
Non ti tocchi l’ira per un contatto
rubato un tempo alle tue labbra:
sul plinto traballante del mondo
poggia la colonna del mio sentimento;
ecco, la vedo inclinarsi
verso la porta dove tra poco
apparirà il tuo corpo,
snello fantasma di carne
di un desiderio appagabile.

n.b. Le  liriche sono tratte dalla raccolta di poesie intitolata “Permanenza del sogno” (Edizioni Tracce, Pescara, 2014).

Leggi anche l’intervista Il sogno del poeta Marco Pavoni

[…]

Marco Pavoni (Chieti,1984), laureato in Lettere Classiche, vive a Pescara. Ha esordito nel 2009 con Immagini (Edizioni Tracce, Pescara), raccolta di poesie ricavata dagli esercizi di scrittura degli anni 2006, 2007 e 2008. Si sono interessati alla sua opera: Giorgio Bárberi Squarotti, Andrea Cati, Simone Gambacorta, Giancarlo Giuliani, Valerio Magrelli, Dimitri Ruggeri, Anna Ruotolo, Benito Sablone. Si segnalano, per la poesia, i premi Poesie… in cammino, Fondazione Pescarabruzzo – Edizioni Tracce, Francesco Monti, I Pensieri del Poeta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...